Home page

Ci sono 6 prodotti.
Home page

Sotto-categorie

  • CD
  • MERCHANDISE VARIO
  • OFFERTE SPECIALI

    Attenzione! Offerta speciale in corso! Non fartela sfuggire!

  • T-SHIRT
  • VINILE

    33 giri, 7 pollici... si abbiamo anche questi!

  • EVA POLES

    Tutto il merchandise di Eva Poles! Cantante, compositore, autore, Dj. La carriera di Eva è un incessante lavoro volto alla sperimentazione delle potenzialità dell’arte musicale nelle sue variegate vesti. Dall’utilizzo della voce allo studio strumentale, dalla composizione alla scrittura, sino a prestare la propria esperienza alla selezione di dischi in pedana, Eva trasforma una passione giovanile in studio impegnato al controllo dei mezzi espressivi. Esordi promettenti la vedono presente già nel 1993 nella compilation “Skandalo al sole” (vox pop) con Rude Agent e esibirsi come lead vocal nei i Pimps, progetto musicale dell’ormai noto compositore di musica da film Theo Teardo. Il successo nazionale arriva qualche anno dopo: l’incontro con Gian Maria Accusani è infatti decisivo per la nascita dei Prozac+ il cui pop-punk spopolerà anche oltre confine. Alla prima pubblicazione del 1996, “Testa Plastica”, seguono altri 4 album di inediti che in una decina d’anni impegnano la band in numerosi tour. I 14 brani di “Acidoacida” valgono al trio un disco d’oro e uno di platino nel 1998, stesso anno in cui il gruppo apre i concerti degli U2 nelle due tappe italiane del loro “Pop Mart Tour”. Dal 2006 Eva collabora con i Rezophonic, originale formazione che vede la partecipazione di numerosi musicisti italiani noti al grande pubblico. Il gruppo sostiene il progetto idrico di Amref Italia finalizzato alla costruzione di pozzi d’acqua in paesi bisognosi. Con loro pubblica l’album “Nell’acqua” (2011) interpretando la canzone “Regina veleno” da lei stessa scritta e musicata. In questi stessi anni Eva si cimenta nell’interpretazione di alcuni videoclip dando prova di una sorprendente abilità espressiva. A tre video girati con i Rezophonic (“L’uomo di plastica”, “Spasimo”, “Regina Veleno”) si aggiungono le intense collaborazioni con Diego Mancino (“A parte te”) e con i Litfiba (“La mia valigia”).

  • EXTREMA

    Extrema not just another Italian Heavy Metal band, they are Italian heavy Metal! The band, driven by the abrasive guitars and energetic personality of Tommy Massara, came to light in Milan, Italy, during the cold winter of 1986. However, the definitive line-up (Tommy Massara on guitar, Mattia Bigi on bass, Cristiano Dalla Pellegrina on drums and Gianluca “GL” Perotti on Vocals) was not set in stone until 1989. 1993 saw the release of their first studio album ‘Tension At The Seams’, which was capable to hit the Italian metal scene full frontal. The album enjoyed worldwide release and was closely followed by an Italian tour cumulating in opening slots for Metallica as well as the huge Italian star Vasco Rossi, who personally chose the band. Their video ‘Child Of Boogaow’ caused a lot of interest almost everywhere. The end of 1993 saw the release of the mini LP ‘Proud, Powerful 'N' Alive’, which included the superb cover of the Dead Kennedy's hit ‘Too Drunk To Fuck’. In January 1994 Extrema were well and truly baptized, when, after enthusiastic reviews, they dominated the polls in the ‘best new band’ category. The following year saw the recording of ‘The Positive Pressure Of Injustice’, a solid and potent release instantly followed by an hardcore tour of over 100 mind-bending, energetic shows. In 1996, to further enhance their ever growing fan base, they collaborated with Italian rap superstars Articolo 31, recording the single ‘Mollami’, in those years the “true eye of the storm”. Although a big hit, the "metal kids" were still rather sceptic towards such hybrid forms, and therefore turned up their nose to what they saw as a “heavy metal scandal”. During 1996 and 1999, the Extrema war machine, paused a while to dedicate time towards various side projects and “collaborations” which included the likes of Articolo 31’s J Ax and DJ Jad, with the release of the classic ‘Vai Bello/Qui Non Si Scherza’. In 2001 the album ‘Better Mad Than Dead’ showed the world that they were back, with more energy, power and guts than ever, and once again ready to dominate. This slicing and modern release put them right back on top of the Italian scene. They toured constantly for the first half of the year and then blew their fans away at the ‘Tattoo The Planet’ gig with Slayer. The second part of the year saw the fans treated to the heavy rotation of their new videos ‘Another Nite’ and ‘Wannabe’. A new contract in 2003 treated the fans once again to another video "All Around" and the compilation of rare Extrema songs ‘And The Best Is Yet To Come’. This included all their collaborations, remixes as well as three new songs. It was polished off with some spectacular artwork and also the video for ‘The World Decline’ followed. Since then Extrema have thrown themselves back on stage and into the festival scene with such shows as the Heineken Jammin’ Festival with Metallica, culminating with their incendiary show at Flippaut festival with Korn. December 2004 saw a slight line-up change with the departure, after 15 years, of drummer Chris Dalla Pellegrina. After a couple of months of auditions, a new name came in: Paolo Crimi, former drummer for Beerbong. The debut shows were received so ecstatically by the fans that they were invited to participate at Europe's and Italy's most prestigious rock/metal festival, Gods of Metal, and the famous Summer Day In Hell festival. The fans were many and the reaction was wild, and as their trademark says, it was “Un fottuto massacro collettivo! (A fucking collective massacre!)”. In June/July the band entered the Rodger music studios to record their latest offering, ‘Set The World On Fire’, with the video for the song ‘Nature’ following. Their 20 years career was celebrated with the release of the live CD ‘Raisin’ Hell With Friends: Live At The Rolling Stone’ (recorded at Milan’s Rolling Stone during the latest Italian tour) and the gigantic double DVD ‘Murder Tunes & Broken Bones – 20 Years Anniversary DVD’, containing almost 4 hours of live material (including the now legendary gig with Metallica at Turin’s Stadio Delle Alpi in 1993), backstage video footage and tons of extras. Both the releases came out on leading Italian label Scarlet Records in summer 2007. At the end of the same year the band shot a new videoclip for the acoustic version of the song ‘Another Nite’ in various locations in central Italy. The clip was directed by renowed italian director Paolo Doppieri (who’s previous collaborations include well known italian and international artists such as Adema, Elisa, Linea 77, Roy Paci and several others). ‘Another Nite’, song originally included in the album ‘Better Mad Than Dead’ was rearranged acoustically and released as a bonus track for the reissue version of BMTD itself, due to happen straight after… 2008 was definetely one of the most important years in the band’s career: Extrema supported Bay Area’s metal legends Death Angel for their whole ‘Killing Season European Tour 2008’, which coincided with the reissue of the band’s back catalogue (from the mighty debut ‘Tension At The Seams’ to the latest ‘Set The World On Fire’, every release will containing plenty bonus material). Never surrending among music trends and always capable to look straight forward, Extrema added another chapter to its now legendary career. And the response, as usual, was amazing: Extrema was voted “best italian band” on Metal Hammer Italy’s readers poll 2007 and their recent, extraordinary DVD ‘Murder Tunes & Broken Bones’ was voted “best DVD” on Rock Hard Italy’s readers poll. But it’s now time to talk about the band’s long-waited brand-new album, ‘Pound For Pound’, set to be released in May 2009 on Scarlet Records. Following their 2005 effort ‘Set The World On Fire’, the new album sees Extrema going back to its thrash metal roots, displayed in 13 powerful tracks which have already been described as some of the best ever written by a band active in the scene for more than 2 decades. Produced and mixed by Riccardo “Paso” Pasini at Studio 73 in Ravenna, Italy (Ephel Duat, Slowmotion Apocalypse, Rumors Of Gehenna, Handful Of Hate), ‘Pound For Pound’ collects 13 tracks of groovy thrash metal with plenty of attitude, including a stunning version of Kiss’ classic ‘Deuce’. Also confirmed, as a very special guest on the track ‘You Make Me Sick’, Page Hamilton, leader of the post-core legend Helmet, on vocals. Artwork duties were handled by Nerve Design (Nile, Vision Divine, Threshold, Legion Of The Damned). In the meantime, the band is planning its own ‘Pound For Pound European Tour 2009’. First confirmed dates include prestigious festival appearances such as legacy Festival (Germany), Metal Camp (Slovenia) and Metal Way (Spain), not to mention the main support slot during the entire Motörhead italian tour. Check out all the tour dates, news and more on www.myspace.com/extrema

  • THE FIRE

    Tutto il merchandise ufficiale dei THE FIRE.

  • KETTY PASSA & TOXIC TUNA

    Il progetto Toxic Tuna nasce nel 2005, con l'ingresso di Ketty Passa alla voce in seguito a pochi anni precedenti di sperimentazione di suoni che seguono la scia degli anni '90. La parentesi interpellata è quella della musica in levare: si seguono le movenze del jazz e del rocksteady, ma subito si comincia a comporre in un'ottica molto più melodica. Come ogni band che ama salire sul palco e far sentire la proprie creature, si girano in lungo e in largo lo stivale, al punto tale da scriverci anche un brano (LO STIVALE) che nel 2008 diventa parte di un lavoro autoprodotto, chiamato Elegante. Due anni più tardi vincono gli MTV New Generation Contest e salgono sul parlco degli MTV Days con Roy Paci ed Africa Unite (lo stesso Bunna in seguito a questo evento li invita come ospiti all'interno del suo programma su LifegateRadio, mettendoli onstage live all' AQUA di Torino, nella cornice dei suggestivi Murazzi), oltre al mainstage dell'edizione del 2010 di ItaliaWave, Livorno, in cui condividono il palco, tra i più, con Daniele Silvestri. Arriviamo al dunque: nel 2010 succede qualcosa. La formazione cambia e la voglia di sperimentare altre sonorità anche. L'ingresso di Leo alle tastiere, Jacopo alla chitarra e Lupon alla batteria, mette la band nella condizione di creare qualcosa di diverso. Ed ecco che arriva un disco nuovo: Ketty e Leo si ritrovano a vivere un'esperienza simile e cominciano a comporre assieme dando voce al cuore, che si sa, si fa sempre fatica ad interpellare, soprattutto quando c'è da condividerne le sofferenze. Nel gennaio 2011 parte la maratona alla composizione e nel giugno dello stesso anno c'è un disco nuovo, che ha solo bisogno di essere impacchettato e prendere forma. Durante quell'estate Ketty, tra le varie date del tour di Rezophonic di cui fa parte, parla con Olly (Riva), cantante e produttore del progetto e gli confida di aver scritto una sequenza di brani nati da situazioni tristi e molto intense, con la collaborazione della band, che abbandona l'attitudine "cighiroppaa" dello ska ed arriva ad esplorare molto di più i mondi in minore. Olly prende a cuore il progetto, i testi, la band e decide di diventare produttore di un disco che uscirà dal guscio e si chiamerà #cantakettypassa, un gioco di parole senza troppe pretese e che a pensarci bene non necessita nemmeno di troppe spiegazioni. Il tutto accade nello studio di Mario Riso, alla Rocker S.R.L. A giugno del 2012 esce "Criminale", il singolo con tanto di videoclip. I Toxic Tuna ricominciano a girare tra i palchi già dalla stessa estate, ma per l'uscita del disco si dovrà aspettare Aprile 2013, per tutto il resto #cantakettypassa I dettagli nella sezione LIVE del sito ufficiale. www.toxictuna.it

  • JACK JASELLI

    JACK JASELLI è un cantante, chitarrista e autore nato a Milano e cresciuto girando il mondo. Nei suoi viaggi e spostamenti ha svolto i lavori più disparati, dal volontario in un centro di biologia marina al riparatore di resistenze. Ha lavorato come speaker per una radio nazionale e ottenuto una laurea con lode in filosofia. La sua carriera musicale è un caso unico in Italia e rappresenta una nuova realtà di concreta indipendenza. Senza l’appoggio di alcuna casa discografica, management o agenzia di booking, Jack ha registrato il suo primo disco “It’s Gonna Be Rude, Funky, Hard” in una cantina, promuovendolo dal vivo con più di 80 date l’anno ed entrando con ben tre singoli nella classifica “Ear One” dei brani più trasmessi dalle radio. Anche all’estero, dove Jack spesso si esibisce, da solo o con la sua band, l’entusiasmo è reale, tanto che l’artista Peter Harper ha scelto il suo brano “The House In Bali” come colonna sonora ufficiale del suo sito. Jack ha suonato al fianco di numerosi artisti (Ben Harper, Gavin Degraw, Fink, Lewis Floyd Henry, The Heavy, Giusy Ferreri, Alberto Camerini per citarne alcuni) calcando al contempo i palchi storici della musica indipendente italiana. Da sempre interessato alle contaminazioni con la musica elettronica, Jack ha collaborato con artisti e produttori come Dj Aladyn e Pink Is Punk. Dal vivo Jack è accompagnato dai The Vibes, una band e una famiglia formata da Nik Taccori, Fabrizio Friggione, Max Elli e Paolo Legramandi. “I Need The Sea Beacuse It Teaches Me” è l’EP acustico da cui è tratta “I’ll Call You”, registrato in trio in una grotta sul Mar Ligure da Jack, Max Elli e Nik Taccori e prodotto dallo stesso Max Elli

  • THE MONKEY WEATHER

    Formatisi nel 2010 in seguito ad un viaggio fra Liverpool e Londra sulle tracce dei Beatles, i The Monkey Weather, giovane trio indie rock di ispirazione britannica originario di Domodossola, in Piemonte, sta emergendo prepotentemente sulla scena indipendente italiana. Fanno il loro esordio, a febbraio 2011 pubblicano un 45 giri (People Watch Me/Lickin‘ Yellow), i timbri dei due cantanti: il bassista Paul Deckard ed il chitarrista Jolly Hooker sono talmente distintivi e differenti, da far apparire alcuni brani come tracce provenienti da mondi diversi, band diverse. Alcuni molto freschi e brit pop, altri più densi e ombreggiati, tutti molto scorrevoli e groovy. Un ottimo album di debutto “Apple Meaning“, uscito nel 2012 con Ammonia Records che raccoglie recensioni positive sia in casa (8 sul magazine Rumore, che non ha esitato a definirlo “un disco pop fatto come Dio comanda“), sia all‘estero (8 anche sulla testata tedesca OX). Sempre nel 2012, i The Monkey Weather si fanno conoscere dal grande pubblico in sede live: aprono tre concerti per il tour estivo dei Kasabian: Ferrara, Roma e Milano, di cui girano un breve documentario on the road. La nota rock band di Leicester apprezza i The Monkey Weather e ne parla bene anche ai propri fans, su twitter, definendo il batterista Miky The Rooster “una macchina da guerra”. A dicembre il trio torna a Milano, questa volta ai Magazzini Generali, come opening act per il concerto sold-out dei The Vaccines, conquistandosi anche in questa occasione il consenso del pubblico. Due sono i videoclip che accompagnano i singoli tratti da Apple Meaning: „People Watch Me“ e „Sara Wants to Dance“, quest‘ultimo con la partecipazione di alcuni personaggi provenienti da differenti ambiti underground italiani: la performer Ladydiabolika, il cantante dei Thee S.T.P. Metius e il chitarrista della band metal Fuzz Fuzz Machine Marco Cassone, entrambi i video sono stati scelti da MTV New Generation per la rubrica Just Discovered nella settimana tra il 24 ed il 31 dicembre Nel 2013 prosegue un’intensa attività live, aprono i concerti di Linea 77, Lnripley, Pan del Diavolo, The Fire, suonano allo Sziget Festival a Budapest in Ungheria nel Puglia Sounds Mambo Stage insieme ai The Black Beat Movement, Inbred Knucklehead, Bunda Move, Altre di B e Yellow, vincitori della decima edizione del Sziget Sound Fest, le selezioni per band emergenti italiane, che nel 2013 ha visto l’iscrizione di oltre 1000 gruppi . Il 14 agosto hanno l’onore di aprire il concerto degli Skunk Anansie al Parco Gondar di Gallipoli, anche i questa occasione il gradimento del pubblico è elevato, a testimonianza il loro video on the road girato tra Budapest e la Puglia Ora i The Monkey Weather iniziano una nuova avventura con l‘uscita di “The Hodja‘s Hook“ in uscita a febbraio 2014.

  • OLLY RIVA

    Olly, al secolo Oliviero Riva, 17 novembre 1974. Cantante, autore, produttore. Ci sono musicisti e artisti che hanno fatto della loro musica un marchio di fabbrica, ripetendosi per anni senza mai cambiare. Non è il caso di Olly Riva che, anzi, del cambiamento ha fatto la sua forza. Con una costante inevitabile che è la sua voce, la si può riconoscere tra centinaia. Gli inizi sono punk. Correva l’anno 1992, Olly rimase “folgorato” dai Bad Religion e dalla loro aggressività, sobrietà e attitudine. Al punto da fare una musicassetta con un solo pezzo: Generator. “… da quel momento, nonostante la mia famiglia non fosse abbiente e mai mi avrebbe assicurato l’indipendenza, decisi di intraprendere la carriera musicale. Ho sempre fatto lavori non stabili, per avere tempo di scrivere, di suonare e di perdere ore al telefono per organizzare date o contatti: tutto per amore della musica e del palco” (Olly 2003) L’incontro con il panorama underground del periodo, avviene grazie a Tiziano, batterista di un paese vicino al suo. Ed è proprio con Tiziano alla batteria e Olly al basso che nascono i Crummy Stuff, con l’intento di unire la passione per il punk rock di quattro ragazzi e creare la propria musica con una personale interpretazione del genere. “Dopo essere uscito dall’esperienza coi Crummy Stuff, nel 1995, cercavo sonorità più fantasiose rispetto al classico cliché del punk rock; coi Crummy mi trovavo bene, ma sentivo un po’ limitate le mie pulsioni “sperimentali”…” (Olly 2003) Nacquero gli Shandon. Tra la metà degli anni ’90 e la metà degli anni ’00, nel periodo del cross over e delle contaminazioni, in cui tutto era classificato come post – qualcosa, ci sono state poche band che si potessero definire “di culto” in Italia, una di queste erano gli Shandon: 5 album, innumerevoli EP e compilation, sempre grazie all’autoproduzione e l’appoggio di un’etichetta indipendente, l’Ammonia Records. Escursioni nel punk e nel rock passando per ska, rockabilly, hardcore e rock steady … in una dimensione particolarissima in cui la sezione fiati di tromba e trombane si sposavano senza batter ciglio con l’emergente immaginario fetish, con i kilt e gli occhi bistrati. Gli Shandon sono stati pop, hanno toccato il mainstream con ironia, sarcasmo e scanzonata rapidità di cambiamento, rendendosi specchio fedele di un tempo difficile da interpretare ai più. “riformammo gli Shandon (dopo un breve periodo punk ndr) suonando tutto quello che ci andava di suonare, cosa che ci è stata spesso criticata dal pubblico che odiava gli Shandon. Ma noi ci sentivamo liberi” (Olly 2003) A sette anni dallo scioglimento, tornano nel 2012, con un tuor che li porta in giro per l’Italia, ciascuno arricchito della propria personale evoluzione artistica ed umana. Una reunion per scrivere un’importante postilla della loro storia. “… scrivere per sé stessi o per il proprio gruppo e poi sentire quelle canzoni materializzarsi su un palco dopo mesi, anni, soldi e ore spese è la cosa più sublime del mondo a mio parere, sensazione che una cover o tribute band non avrà mai …” (Olly 2013) I The Fire nascono nel 2005 con tutti i membri del gruppo Madbones, con i quali Olly aveva già collaborato nel progetto Punx Crew. Il primo album “Loverdrive” esce nel marzo 2006. Nel 2007 un cambio nella formazione e nella primavera del 2009 viene pubblicato “Electro Cabaret”, EP di sei brani con importanti collaborazioni: Pino Scotto, Quintorigo, Roy Paci e Shandon. Dal 2005 hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo il palco con Deep Purple, Iggy Pop, Alice Cooper, The Damned, Fall Out Boy, Kaiser Chiefs, Gotthard, Satanic Surfers, Nashville Pussy e molti altri. Sono passati 7 anni, 2 dischi e 2 EP e i The Fire sono ancora qui a presentare il nuovo album dal titolo “Supernova”, contenente 10 tracce di rock melodico. Forse è veramente il disco della maturità, mai come in questo caso i The Fire hanno messo a fuoco il loro progetto riuscendo ad amalgamare il rock più crudo e diretto alla vena melodica che Olly riesce sempre a portare ad altissimi livelli (Claustrophobia, See You Next Time, e la ballad Paralyzed). Rezophonic, 14 cisterne, 140 pozzi, 3 scuole. “… cd come questo può fare molto, se viene comprato e non scaricato. Pensateci. Sono piccoli gesti che servono per rendere più dignitoso questo pianeta. Noi vi offriamo intrattenimento e divertimento in cambio di un gesto intelligente e mirato. Grazie.” (Olly) Nel 2011 esce “Nell’Acqua” album prodotto con Mario Riso, per il quale ha scritto quattro canzoni e nel quale lo si ritrova anche come interprete. “Ho messo tutto me stesso con passione in questo progetto in cui credo molto” (Olly) Il progetto riunisce tantissimi artisti italiani ed è capitanato da Mario Riso, Olly ne fa parte dal 2006. Nasce con lo scopo di costruire pozzi e scuole in Africa, sensibilizzando così l’opinione pubblica in relazione al problema delle risorse idriche. “… io sono fatto così, non vedo limiti musicali e quindi mi innamoro solo di quello che mi arriva più vicino come intenzione, gusto, scelte artistiche e sonorità … amo moltissimo la musica …” (Olly) Abbattendo il preconcetto che uno deve rappresentare quello che suona per tutta la vita, nel 2005, Olly si butta con entusiasmo in un nuovo progetto: Olly meets The Goodfellas. Il punk rock incontra lo swing, due estrazioni musicali completamente differenti danno vita ad un album intenso, decisamente swing e molto elegante. E “quando la cover sconvolge anche il più tangibile dei pezzi” il risultato è “un disco destinato a stupire anche le casalinghe”. “Dopo anni di distorsioni, velocità e aggressività, finalmente un progetto più spensierato ed elegante legato al mio primo amore di sempre: il soul …” (Olly) Il 2013 è il loro anno : Olly Riva & The Soul Rockets. Con questo nuovo progetto Olly è voluto tornare alle origini, alla musica con cui è cresciuto da bambino: il soul e il rhythm’n’blues, che il padre gli faceva sentire tenendolo sulle ginocchia mentre suonava il farfisa partner a due piani. Un ritorno avvenuto spontaneamente, qualcosa che è dentro di lui in questo momento della sua vita. La libertà di esprimere le sue emozioni, senza filtri, come solo il soul ti permette di fare. In molti hanno accolto con entusiasmo questo “cambiamento”: dall’etichetta discografica che pubblicherà il primo 7 pollici della band, ai musicisti che hanno deciso di accompagnare Olly in questa nuova avventura. Musicisti di spessore che rendono ancora più appetibile questo progetto, tra cui: Ferdi, storico batterista di Casino Royale e Blue Beaters; Iasco, voce e tromba di I Figli di Madre Ignota, Roy Paci e Shandon; Geeno, bassista e super ballerino dei B.E.S.T. , Jane J’4 Clan e Tiratura Limitata, non chè storico personaggio della scena Mod Italiana. Quindi, cosa c’è di più bello di una cosa naturale e spontanea? Niente. Keeping Soul Alive.

  • JANE J'S CLAN

    Il Jane J's Clan è un progetto nato nel Gennaio del 2013 da un'idea di Geno De Angelis, ex The Investigators, B.E.S.T., Tiratura Limitata. Formazione combo a 4 con Gabriele Bernardi piano e Hammond, Stefano Di Niglio "groovy-man" alla batteria e l'esuberante Jane Jeresa alla voce. Un reperorio selezionato che include originali e cover di brani rari di R&B e Soul alternati ai classici. Alla roboante voce black si aggiunge l'incontenibile energia che Jane riesce a trasmettere sul palco esprimendo, come pochi, lo spirito più vero del Soul e del Rhytm n' blues, dando origine ad uno show irresistibile. Al basso elettrico lo stile di Geno De Angelis, il groove coinvolgente di Stefano Di Niglio alla batteria ed il talento di Gabriele Bernardi al piano e Hammond fanno da corollario alla grande figura carismatica di Jane

  • RAY DAYTONA & GOOGOOBOMBOS

    Sono considerati tra i migliori gruppi surf-garage-punk della scena internazionale. Dal 1997 a oggi hanno pubblicato cinque album, una lunga serie di sette pollici, e fatto centinaia di concerti in Italia e in Europa. Il 21 novembre uscirà il loro nuovo mini LP Deep Breath, composto da sette brani tra garage, surf-core, hard-soul e Velvet Underground. Dopo alcuni singoli, nel 1999 esce il loro LP d’esordio A Wild Shot of, accolto con interesse dalla critica musicale e nel tempo considerato uno degli album più rappresentativi della rinascita della scena garage italiana. Sono infatti gli anni in cui, sulla scia della rivista “Bassa Fedeltà” e di gruppi anglosassoni come Man or Astroman, Phantom Surfers e Mummies, anche in Italia si manifesta un “ritorno” a sonorità Sixties, con la nascita di nuovi gruppi, etichette discografiche e fanzine. Con un titolo che omaggia Henry Mancini, A Wild Shot of è in effetti un compendio di musica Sixties, spaziando dal surf alle colonne sonore italiane e non; dal beat e garage al rock’n’roll più oscuro, come rivela anche la dedica a Screamin’ Lord Sutch, conosciuto di persona dai ragazzi del gruppo pochi mesi prima della sua scomparsa. Il seguente Space Age Traffic Jam (2001) è una nuova prova in ambito garage-punk, sostenuta da un sound che nel frattempo si è fatto più aspro e spigoloso. Autore della copertina è Winston Smith, uno degli artisti più significativi della scena underground americana, conosciuto ai più per aver realizzato artworks per Dead Kennedys, No Means No, Green Day e Ben Harper. Sempre Winston Smith sarà l’autore della copertina di Fasten Seat Belt (2004), il terzo album uscito su Ammonia/V2, che dà alla band una visibilità maggiore rispetto al passato (grazie anche al video di Slim, Horny and Tanned, girato dai Manetti Bros). Diversamente dai primi dischi, con Fasten il gruppo apre a sonorità più moderne e a un orizzonte musicale molto ampio, con pezzi da un lato più veloci, dall’altro con strutture aperte in senso psichedelico, non disdegnando virate verso l’elettronica analogica. Pubblicato sia in cd che in vinile (in questo caso in versione doppia e con 5 pezzi in più), il disco viene supportato da una intensa attività live, con apparizioni a festival importanti come quella del 2004 sul main stage dell’Indipendent, nella giornata che vede la partecipazione di Sonic Youth e Franz Ferdinand. Con Winston Smith viene organizzato anche un tour italiano, in cui il gruppo si esibisce dal vivo mentre l’artista mostra i suoi collage. Dopo alcuni cambi di formazione e un anno di pausa dai concerti Ray Daytona and Googoobombos tornano alla line-up originale e registrano One Eyed Jack (2007) in cui concentrano al meglio il loro background: atmosfere morriconiane, echi proto-punk e surf epilettico, conditi da un robusto “wall of sound” chitarristico fatto di fuzz-tone e riverbero. In seguito il gruppo suona molto all’estero, con tour che toccano Spagna, Germania, Svizzera e Francia, e concerti di apertura per Monsters, Trashmen e Hives. Uscito nel 2011 Caballero è un ulteriore passo avanti nel percorso musicale della band, con quattordici pezzi che mostrano un approccio agli ultimi cinquant’anni di rock’n’roll secondo un’ottica di decostruzione. Rispetto ai precedenti lavori Ray Daytona and Googoobombos scarnificano ed esasperano le forme dei loro generi di riferimento (surf, garage, punk, new wave) per passare ad una commistione di linguaggi che è insieme riscrittura e allontanamento dai cliché. Impreziosito dalla copertina di Pablo Echaurren, Caballero è in definitiva un lavoro che guarda avanti tenendo sempre ben presenti le radici su cui poter rifondare l’identità del rock’n’roll. È seguendo questa stessa idea che la band si appresta a pubblicare il nuovo mini Deep Breath, stampato su vinile 10” dalla Surfin’Ki Records e in versione cd digipack su Ammonia.

  • ELLI DE MON

    Elli de Mon è chitarre, grancassa, rullante, sonagli, suoni saturi e psichedelia indiana. Attingendo a piene mani dalla tradizione sciamanica dei lontani incantatori Bessie Smith, Fred McDowell e Son House, Elli combatte i suoi demoni con lo strumento a lei più congeniale: la musica. Un blues nuovo, fatto di slide selvaggi e contaminato da influenze punk (Elisa militava anche negli Almandino Quite Deluxe), e dalla musica indiana, grande amore di Elli. Elisa è stata l’anima folk dei Le-Li, progetto con cui l’artista vicentina ha girato nel recente passato Italia ed Europa e pubblicato 2 dischi e un ep su Garrincha Dischi. Il progetto Elli de Mon inizia nel 2012 e a marzo 2013 Elisa debutta con il 7” Elli de Mon. Fin da subito inizia a macinare concerti su concerti, tra cui un tour americano in compagnia dell’amico Phill Reynolds. Nel febbraio 2014 è uscito per CORPOC e Otis Recordings il suo primo album, dal titolo omonimo, registrato da Bruno Barcella e Alessio Lonati al TUP studio di Brescia. La tiratura in vinile vinile è andata esaurita in soli tre mesi. Da febbraio 2014 Elli de Mon ha suonato in oltre 80 concerti, dividendo il palco con artisti come Afterhours, Brunori Sas, Reverend Beatman, the Monsters, Molly Gene onewoamanband, Big John Bates, Chuck Ragan, Larry and His Flask, Cedric Burnside. Ha partecipato a numerosi festival nazionali, come Radio Onda D'Urto, Sherwood Festival, Mojostation Blues Festival, To.t.em. Festival, Musicaw Festival, Nistoc, Salone del Libro di Torino (Radio Tre) ed internazionali con il festival blues di Lugano e il Berlin Fest. Elisa ha portato il suo album anche in tour tra Spagna, Francia, Germania e Svizzera. Nell’agosto 2014 Elisa ha registrato il nuovo album, sempre al TUP Studio di Brescia coi produttori Bruno Barcella ed Alessio Lonati. II esce per Pitshark Records, etichetta francese al lavoro con band come Radio Birdman, Motorheads, Cosmic Psychos e New Christs mentre il disco di debutto di Elli de Mon viene ristampato dall’italiana Ammonia Records (Shandon, Peawees, Manges, The Hormonauts).

  • SHANDON